Qual è il Metodo più Adatto al Mio Campione?

Qual è il Metodo più Adatto al Mio Campione?

I metodi di misura della conduttività e della diffusività termica qui presentati, differiscono principalmente per la geometria del campione raccomandata e per l’intervallo dei valori di conduttività termica e di diffusività termica raggiungibili.

La tabella 1 riassume le dimensioni ideali dei campioni.

Questa tabella è troppo grande per essere visualizzata sul dispositivo.
Tabella 1: Geometrie die campioni

LFAGHPHFM*
Forma CampioneCircolare o  quadrataQuadrataCircolare o  quadrata
Numero di pezzi per campione121
Diametro e/o latoda 6 mm a 25.4 mm300 mm x 300 mm150 mm x 150 mm a 300 mm x 300 mm (o 305 mm x 305 mm a 610 mm x 610 mm
Spessore max. 6 mm100 mm100 mm (o 200 mm)
Spessore  min.0.01 mm,  a seconda delle proprietà del campionecirca 1 mm, a seconda del campionecirca 5 mm

* Due modelli di HFM sono disponibili per campioni di diverse dimensioni

Grazie alla capacità di lavorare con campioni relativamente grandi, l’HFM (termoflussimetro - Heat Flow Meters), il GHP (piastra calda con anello di guardia - Guarded Hot Plates) – ossia i metodi per la misura diretta della conduttività termica – sono gli strumenti più indicati per studiare i materiali disomogenei (materiali isolanti).

I Laser o Light Flash Apparatus (LFA) sono progettati per lavorare con campioni molto più piccoli. La dimensione dei provini standard è di 12.7 mm, con uno spessore che varia dai 2 ai 3 mm.

Un riassunto delle conduttività misurabili con un determinato metodo è riportato in figura 1 e quello degli intervalli di temperatura in figura 2.