Ossido di Manganese — Riduzione

L’ossido di manganese (MnO2) viene spesso usato in chimica come agente ossidante ma anche come materiale per i catodi delle batterie. L’analisi STA mostra eventi di perdita di massa a circa 600°C e 950°C dovuti alla riduzione successiva del MnO2 a Mn2O3 e quindi a Mn3O4. I valori 9.20% e 3.07% coincidono esattamente con le quantità stechiometriche, provando quindi l’accuratezza della bilancia interna. I picchi DSC endotermici con entalpie rispettivamente di 432 J/g e 180 J/g sono registrati nel corso dei processi di riduzione. I picco endotermico a 1200°C è dovuto ad una trasformazione strutturale reversibile, che si osserva anche durante il raffreddamento, come un picco esotermico a 1148° (linea tratteggiata). (misurazione con STA 449 F1 Jupiter®)

STA 449 F1 Jupiter®

Con l’introduzione della STA 449 F1 Jupiter®, NETZSCH ha raggiunto nuovi standard. Flessibilità illimitata di combinazioni e prestazioni ineguagliabili sono alla base dell’ampia gamma di applicazioni nel campo dei metalli, materie plastiche, materiali ceramici e compositi, in un vasto intervallo di temperature (-150...2400°C).