Organici

Il comportamento in fusione e cristallizzazione di ingredienti attivi farmaceutici e delle sostanze ausiliari, la transizione vetrosa delle melasse, il comportamento in ossidazione dei lubrificanti o il curing di resine ed adesivi sono effetti termici qui esemplificati.

La DSC è, solo per citare alcune comuni applicazioni, usato per analizzare il comportamento di fusione di un principio farmaceutico attivo e derivarne quindi il grado di purezza, per studiare lo stress ossidativo di grassi e olii o la reticolazione di resine e vernici in polvere.

Con la TGA si completano le informazioni riguardo altri aspetti, quali la denaturazione di proteine, la pressione di vapore e il contenuto di solvente nelle vernici.

Mediante la TMA e la DMA, è possibile determinare il coefficiente di espansione termica, studiare il comportamento in penetrazione e quindi descrivere le proprietà visco-elastiche di fluidi, paste e polveri.

La DEA permette di seguire il comportamento in flusso di resine, paste e altri tipi di masse, anche in sede del processo produttivo.

Con l’LFA è possibile misurare la diffusività termica, e quindi determinare la conduttività termica, anche in campioni liquidi o fusi.

Ribavirin — Detection of the melting range
Sublimazione di uno strato OEL
Allumina — Misura del Calore Specifico
Sorbitolo — Transizione Vetrosa
Paglia — Analisi dei Gas Evoluti (STA-FT-IR)
Alluminio Titanato — Sinterizzazione
Polvere di Pece — Analisi dei Gas Evoluti (QMS)
Legno di Quercia — Analisi dei Gas Evoluti (GC-MS)
Cloruro di Piombo — Analisi dei Gas Evoluti (QMS)
Olio Sintetico Stabilizzato — Comportamento in Ossidazione
DTBP — Temperature di Fuga