Prove su Refrattari: Refrattarietà sotto carico (RUL) / Deformazione in compressione (CIC), Modulo di Rottura (HMOR), Refrattarietà (PCE), Conduttività Termica (TCT)

Test speciali di resistenza sono stati messi a punto per ceramici refrattari, che sono composti molto eterogenei. La Refrattarietà sotto Carico (RUL) e la Deformazione in Compressione (CIC) identificano la resistenza alla deformazione di un pezzo sono un carico definito in funzione di tempo e temperatura. Il modulo di rottura ad alte temperature (HMOR) è determinato con un analizzatore di modulo di rottura a caldo. Il comportamento in fusione di questi ceramici eterogenei è determinato indirettamente attraverso la comparazione con i cosiddetti coni Seger (PCE- Cono Pirometrico Equivalente).

Tutto ciò in conformità con gli standard strumentali ed applicativi es. ISO 1893, ISO 3187, ISO 5013, DIN EN 993-7/8/9/12/14/15, DIN 51048, DIN 51053, DIN 51063, DIN 51046, ISO 8894-1, ISO 8894-2, ASTM C1113.

RUL/CIC 421 - Determinazione della refrattarietà sotto carico/deformazione in compressione

Il RUL/CIC 421 consente la determinazione della refrattarietà sotto carico (RUL) e della deformazione in compressione (CIC) in un unico strumento, senza necessità di modifiche. Fornace, dispositivo di carico, sistema di misura differenziale, elettronica di controllo e software sono stati progettati per operazioni automatiche affidabili nel tempo.

HMOR 422 D/3 – Misura del modulo di rottura a caldo (MOR)

Il modulo di rottura dei materiali ceramici refrattari viene determinato come aumentando la forza applicata ad un campione rettangolare, di specifiche dimensioni, fino a frattura di questo. Il modelli del sistema HMOR 422 – misuratore del modulo a caldo – sono applicati per testare sia il carico di rottura che la flessione sotto peso o forza predefinita.

PCE 428 – Cono Pirometrico Equivalente

È possibile determinare il punto di fusione nei materiali refrattari solo indirettamente, mediante la comparazione con il punto di rammollimento di coni standard. Nel PCE 428, il cono pirometrico equivalente può essere determinato visivamente fino ad un massimo di 1700°C.

TCT 426 - Thermal Conductivity Tester – metodo del filo caldo

Il TCT 426 lavora secondo il metodo del filo caldo (hot wire method) ed è progettato specificamente per lo studio dei materiali refrattari. Tre diversi metodi - filo incrociato, filo parallelo e T® - possono essere impiegati nello stesso strumento. Il TCT 426 è indispensabile per la valutazione dell’efficienza energetica nei forni industriali in refrattario e quindi per la loro progettazione e costruzione.