HMOR 422 D/3

HMOR 422 D/3

Misura del modulo di rottura a caldo (MOR)

Modulo di rottura (MOR) dei refrattari fino a 1500°C

Il modulo di rottura (MOR) è una variabile importante nella caratterizzazione dei materiali ceramici refrattari. Il carico massimo ad alta temperatura è, assieme ad altre proprietà termofisiche, un parametro importante nel controllo-qualità e nello sviluppo dei rivestimenti per fornaci.

Il modulo di rottura è definito come il massimo carico – in N/mm2 o MPa - che un provino rettangolare, di dimensioni specifiche e posto in flessione vincolata a tre punti, può sostenere fino a rottura.

Il Metodo Standard Internazionale è descritto dalla normativa ISO 5013; le dimensioni del campione sono: 150 mm x 25 mm x 25 mm.

Per misurare il modulo di rottura nei refrattari fino a 1500°C e con un carico massimo di 5000 N (60 N/mm2), NETZSCH offre il modello HMOR 422 D/3, progettato per analisi in continuo con modalità di flessione a tre punti. Aggiungendo i dispositivi opzionali per misure di carico e deformazione e/o velocità di deformazione, è possibile registrare informazioni aggiuntive sul limite di elasticità e sulla propagazione della rottura del materiale ceramico.

Il modello HMOR model 422 E/4 lavora, in alternativa, su campioni singoli e di piccole dimensioni in accordo con il metodo di flessione vincolata a quattro punti con distanza tra i lati del supporto di 40 mm. L’inserzione del provino è agevolata grazie alla fornace a slitta (temperatura massima 1450°C), di facile apertura. L’unità usa un sistema di misura differenziale analogo a quello dello strumento RUL/CIC 421 che consente la determinazione accurata delle dimensioni del provino.

Specifiche Tecniche

Specifiche Tecniche

(soggette a variazione)

  • Range temperatura:
    da RT a 1500°C
    (1450°C nel HMOR 422 E/4)
  • Elementi riscaldanti:
    SiC
  • Supporto di flessione:
    SiC
  • Carico:
    da 1 N a 5000 N
    (Commutabile da 2.0 a 12.5 N/s)
  • Range misura di flessione:
    10000 µm (2500 µm nel 422 E/4)
  • Misura di temperatura:
    termocoppie tipo S
  • Dimensioni provini:
    150 mm x 25 mm x 25 mm
    (45 mm x 4.5 mm x 3.5 mm nel 422 E/4)
  • Modo di flessione:
    vincolata a tre punti
    (a quattro punti nel 422 E/4)
  • Atmosfera:
    aria, statica

Il Metodo Standard Internazionale è descritto dalla normativa ISO 5013; le dimensioni del campione sono: 150 mm x 25 mm x 25 mm.

Software

Software

Sia l’HMOR 422 D/3 che l’HMOR 422 E/4 lavorano con il Software Proteus® in ambiente Windows®. Il Software Proteus® include tutto ciò che serve per eseguire una misura e valutarne i dati risultanti. Attraverso la combinazione tra menu comprensibili e routine automatizzate, è stato creato uno strumento di uso estremamente facile e che, allo stesso tempo, permette analisi sofisticate. Il Software Proteus® è fornito con lo strumento e, naturalmente, può essere installato su altri computer.

Caratteristiche HMOR:


  • Avvio aumento di carico e determinazione carico di rottura
  • Salvataggio dei parametri di analisi e dei risultati
  • Trasferimento in formato MS EXCEL® per rappresentazioni grafiche e statistiche
  • Determinazione deformazione provino (con dispositivi opzionali)
  • Diagrammi di deformazione in funzione del carico
  • Calcolo del modulo di rottura

Potete usare il seguente software con questo prodotto:

Proteus® Software

Accessori

Accessori

  • Calibri di Vernier per la determinazione delle dimensioni dei provini, con trasferimento online dei dati al software Proteus®
  • Dischi separatori 
Letteratura

Letteratura

Poster

Potrebbe essere anche interessato a:

RUL/CIC 421 - Determinazione della refrattarietà sotto carico/deformazione in compressione

Il RUL/CIC 421 consente la determinazione della refrattarietà sotto carico (RUL) e della deformazione in compressione (CIC) in un unico strumento, senza necessità di modifiche. Fornace, dispositivo di carico, sistema di misura differenziale, elettronica di controllo e software sono stati progettati per operazioni automatiche affidabili nel tempo.

PCE 428 – Cono Pirometrico Equivalente

È possibile determinare il punto di fusione nei materiali refrattari solo indirettamente, mediante la comparazione con il punto di rammollimento di coni standard. Nel PCE 428, il cono pirometrico equivalente può essere determinato visivamente fino ad un massimo di 1700°C.